Andrea Chénier - La Scala 2023

Discussioni: per i neofiti che vogliono togliersi dei dubbi e per gli esperti che vogliono approfondire...
Luca1966
Messaggi: 234
Iscritto il: 28 gen 2018 17:06

Re: Andrea Chénier - La Scala 2023

Messaggio da Luca1966 » 28 mag 2023 13:39

Marcheseducasiete ha scritto:
28 mag 2023 13:00
Anche io presente ieri sera, con un pubblico composito tra grandi appassionati e turisti del sabato.
Che dire? Il trionfatore della serata è stato chiaramente Amartuvshin Enkhbat, lunghissimi i plausi a lui indirizzati dopo “Nemico della patria”. La voce è rotonda, piena, riempie la sala; solo qualche difficoltà nella dizione, perdonabilissima, essendo il cantante asiatico. Fondamentalmente la più grande voce di baritono del presente.
La Yoncheva migliora nel III atto, dopo la romanza; qualcuno le dica - tuttavia - che “La mamma morta” non è scritta così. La cantante a me personalmente non convince del tutto, certamente gran timbro, ma la voce mi pare piccola e poco solida. Ho come l’impressione - in aggiunta - che sia una cantante che possa dare il doppio, se ben guidata da un grande direttore, non di certo da un Armiliato, il quale sa solo accompagnare i big names.
Molto male Kaufmann. Grande cantante per carità, animale da palcoscenico, ma non esiste solo il fraseggio. Male gli acuti, male le mezze voci, mai ascoltato un’ “Ora soave” così brutta, a tratti a gracchiante. Solito trionfo da divo. Io per me non ho applaudito.
Elena Zilio come Madelon = lezione di canto.
Un saluto a tutti,
F
Ero presente anch’io. Condivido l’analisi al 100%.



Fidelio65
Messaggi: 106
Iscritto il: 24 lug 2022 17:28

Re: Andrea Chénier - La Scala 2023

Messaggio da Fidelio65 » 28 mag 2023 15:57

Marcheseducasiete ha scritto:
28 mag 2023 13:00
Anche io presente ieri sera, con un pubblico composito tra grandi appassionati e turisti del sabato.
Che dire? Il trionfatore della serata è stato chiaramente Amartuvshin Enkhbat, lunghissimi i plausi a lui indirizzati dopo “Nemico della patria”. La voce è rotonda, piena, riempie la sala; solo qualche difficoltà nella dizione, perdonabilissima, essendo il cantante asiatico. Fondamentalmente la più grande voce di baritono del presente.
La Yoncheva migliora nel III atto, dopo la romanza; qualcuno le dica - tuttavia - che “La mamma morta” non è scritta così. La cantante a me personalmente non convince del tutto, certamente gran timbro, ma la voce mi pare piccola e poco solida. Ho come l’impressione - in aggiunta - che sia una cantante che possa dare il doppio, se ben guidata da un grande direttore, non di certo da un Armiliato, il quale sa solo accompagnare i big names.
Molto male Kaufmann. Grande cantante per carità, animale da palcoscenico, ma non esiste solo il fraseggio. Male gli acuti, male le mezze voci, mai ascoltato un’ “Ora soave” così brutta, a tratti a gracchiante. Solito trionfo da divo. Io per me non ho applaudito.
Elena Zilio come Madelon = lezione di canto.
Un saluto a tutti,
F
….temevo a scrivere le mie impressioni dopo aver letto “Kaufmann in gran spolvero”….Marcheseducasiete sul “divo” sei stato anche troppo buono. Per me una prestazione imbarazzante! Nessuno ha notato la stonatura/stecca finale? Voce stimbrata, grigia, senza squillo, che tristezza…e pensare che meno di 2 mesi fa sentito in Tannhauser mi aveva piacevolmente sorpreso dopo l’altro flop in Aida a Vienna….e il ruolino di marcia nei prossimi mesi: Werther Otello Turandot Gioconda……!!!!!????? Finché i suoi fans girano il mondo ad applaudirlo…buon per lui, ma le carriere non si fanno cosi. Su Enkhbat il delirio dopo Nemico della patria basta a testimoniare come si canta….si é quasi rischiato il bis…e spero tanto che sia lui Rodrigo al 7/12/23. La Yoncheva non mi é spiaciuta nel complesso. Condivido la lezione scenica e di canto della Zilio.
Saluti

Avatar utente
Marcheseducasiete
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 mar 2023 14:53

Re: Andrea Chénier - La Scala 2023

Messaggio da Marcheseducasiete » 28 mag 2023 19:44

Chiaramente imbarazzante, non volevo essere troppo crudele verso un artista che ci ha regalato cose stupende negli anni passati. Di certo mi spaventa il suo futuro Enzo Grimaldo con Pappano, passibile anche di un’incisione.
È stato citato il suo Tannhäuser come molto buono, mi è stato detto da un amico (che ci legge) anche di una sua ottima performance come Siegmund al san Carlo. Forse il nostro Jonas si dovrebbe limitare ai soli ruoli da tenore drammatico, ma evidentemente il dio denaro…
De nobis ipsis silemus: de re autem, quae agitur, petimus.

Avatar utente
mario
Messaggi: 1247
Iscritto il: 05 ago 2010 13:06
Località: Cologno Monzese (MI)

Re: Andrea Chénier - La Scala 2023

Messaggio da mario » 29 mag 2023 13:17

Fidelio65 ha scritto:
28 mag 2023 15:57
Marcheseducasiete ha scritto:
28 mag 2023 13:00
…. Su Enkhbat il delirio dopo Nemico della patria basta a testimoniare come si canta….si é quasi rischiato il bis…e spero tanto che sia lui Rodrigo al 7/12/23.
Salsi, come sempre, anche nel Boccanegra. Enkhbat solo nei CavPag opera dove per quanto bravo è meno strabiliante che nelle opere di Verdi

Fidelio65
Messaggi: 106
Iscritto il: 24 lug 2022 17:28

Re: Andrea Chénier - La Scala 2023

Messaggio da Fidelio65 » 29 mag 2023 14:29

mario ha scritto:
29 mag 2023 13:17
Fidelio65 ha scritto:
28 mag 2023 15:57
Marcheseducasiete ha scritto:
28 mag 2023 13:00
…. Su Enkhbat il delirio dopo Nemico della patria basta a testimoniare come si canta….si é quasi rischiato il bis…e spero tanto che sia lui Rodrigo al 7/12/23.
Salsi, come sempre, anche nel Boccanegra. Enkhbat solo nei CavPag opera dove per quanto bravo è meno strabiliante che nelle opere di Verdi
….non farmi commentare….

Avatar utente
mario
Messaggi: 1247
Iscritto il: 05 ago 2010 13:06
Località: Cologno Monzese (MI)

Re: Andrea Chénier - La Scala 2023

Messaggio da mario » 29 mag 2023 15:09

Fidelio65 ha scritto:
29 mag 2023 14:29
mario ha scritto:
29 mag 2023 13:17
Fidelio65 ha scritto:
28 mag 2023 15:57

…. Su Enkhbat il delirio dopo Nemico della patria basta a testimoniare come si canta….si é quasi rischiato il bis…e spero tanto che sia lui Rodrigo al 7/12/23.
Salsi, come sempre, anche nel Boccanegra. Enkhbat solo nei CavPag opera dove per quanto bravo è meno strabiliante che nelle opere di Verdi
….non farmi commentare….
l'unica speranza è che sia perchè, come avevamo annunciato, i cast sono stati fatti 5 anni fa. Speriamo che nei cast del futuro ci sia più spazio per Enkhbat.
Per me i due grandi cantanti sentiti l'ultimo anno alla scala sono Enkhbat e Nadine Sierra. Mi spiace molto che per lei non ci sia niente, al mio gusto è il miglior soprano in attività.

albertoemme
Messaggi: 1750
Iscritto il: 03 feb 2015 17:51

Re: Andrea Chénier - La Scala 2023

Messaggio da albertoemme » 29 mag 2023 19:46

Mi concedo una breve replica. JK non é quello di qualche anno fa (banale sottolinearlo), come Carreras nel 1986 all'Arena con la Caballé non era quello del 1982. Le orecchie per coglierne il declino le abbiamo tutti. Consiglio tuttavia (non a Fidelio e Marchese che ne sanno più di me) di ascoltare il cantante con vent'anni di carriera e giudicarlo come se non si sapesse chi é. Gran parte del pubblico che gli ha decretato un meritato trionfo forse non sapeva chi era il tenore, ma probabilmente ha ricambiato quello che gli è parso di ricevere dall'artista. Qualcuno potrà dire "erano turisti" "non capivano niente di opera" ma alla Scala non ho mai visti grandi regali. Tornando al consiglio per tenere lontani i pregiudizi, secondo me il sistema suggerito funziona: non rovina il fegato e, anche ai più dotati di autocritica, non fa venire il dubbio che il gusto di sottolineare la performance con la matita blu e rossa sia anche frutto di qualche propria frustrazione (corna, insoddisfazione lavorativa, mancata qualificazione della propria squadra, sconfitta elettorale ecc.). Provare per credere.-

Avatar utente
michele_gallo_55
Messaggi: 329
Iscritto il: 06 set 2022 15:13

Re: Andrea Chénier - La Scala 2023

Messaggio da michele_gallo_55 » 29 mag 2023 23:50

Mi viene difficile pensare che ci siano pregiudizi, JK ha sfiorato nella sua prima rappresentazione dello Chenier più di un momento di imbarazzo per le motivazioni scritte nei post precedenti: non mi sembra che quelle motivazioni fossero affette da pregiudizio.
Diamo poi una occhiata alla prossima stagione alla Scala, quali sono i bravi tenori dei primi cast ?
Certo qualcuno c'è ma sembra che anche le scelte del Comunale di Piacenza siano sulla carta più attraenti.
Spero naturalmente che i nomi meno noti dalle nostre parti chiamati da Mayer riservino delle buone sorprese, altrimenti occorre accontentarsi... (anche di uno stanco JK)
Ultima modifica di michele_gallo_55 il 01 giu 2023 07:23, modificato 3 volte in totale.
MGL

albertoemme
Messaggi: 1750
Iscritto il: 03 feb 2015 17:51

Re: Andrea Chénier - La Scala 2023

Messaggio da albertoemme » 30 mag 2023 07:17

Non accusavo assolutamente i due forumisti di avere pregiudizi su JK proponevo solo un modello d’ascolto. Aggiungo che pur accogliendo con molto favore la stagione scaligera, concordo con te che le riserve su alcuni tenori scritturati nascono spontanee. Torneremo comunque sull’argomento.-

Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 806
Iscritto il: 04 mag 2014 19:31
Località: Genova

Re: Andrea Chénier - La Scala 2023

Messaggio da Amfortas_Genova » 02 giu 2023 11:39

Kaufmann ha letto il forum e ha deciso di andare a fare il Sovrintendente :D :

https://www.tt.com/artikel/30856121/ein ... spiele-erl
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Rispondi